Sclerosante adenosis della prostata

Iperplasia atipica della prostata

Utilizzare l'indice alfabetico a fianco per sfogliare le voci del glossario. Cliccare sull'immagine a fianco di ciascuna voce per ritornare all'indice. Acceleratore lineare. Macchina produttrice di radiazioni ad alta energia e utilizzata per il trattamento radioterapico dei tumori. Tumore maligno epiteliale con aspetti sclerosante adenosis della prostata epitelio ghiandolare o che presenta strutture ghiandolari. Sinonimo di Fibroadenoma.

Tumore benigno epiteliale circoscritto con aspetti di epitelio ghiandolare o che presenta strutture ghiandolari. Non determina aumento di rischio di comparsa di carcinoma. Lesione benigna che indica la presenza di sclerosante adenosis della prostata multipli.

Aumento di volume dei linfonodi secondario a reazione infiammatoria o ad infiltrazione neoplastica. Lesione ipertrofico-iperplastica caratterizzata da un aumento in numero e in dimensione dei lobuli con variabile componente epi-mioepiteliale e connettivale.

Frequentemente componente lesionale della mastopatia fibrocistica, raro il riscontro in forma pura come massa palpabile. Terapia medica eseguita dopo intervento chirurgico radicale per tumore maligno allo scopo di eliminare le possibili micrometastasi presenti sclerosante adenosis della prostata.

Farmaco chemioterapico usato per la terapia di differenti neoplasie compreso il carcinoma mammario. Prelievo aspirativo con ago, manuale o eco-guidato, di materiale di un tessuto da analizzare; segue lo striscio del materiale aspirato su un vetrino ed esaminato con il microscopio. Agenti di tipo chemioterapico ciclofosfamide, sclerosante adenosis della prostata, melfalan che hanno azione diretta di danneggiamento sul DNA della cellula, impedendo alla cellula stessa sclerosante adenosis della prostata andare incontro a divisione cellulare.

Equivalente di dolore. Frequentemente parte seconda di parole composte mastalgia. Marcatore tumorale indicatore positivo, quando i livelli sierici sono elevati, di carcinoma epatico o di alcuni tumori germinali. Perdita parziale o totale dei capelli. Assenza temporanea o permanente, primaria o secondaria, delle mestruazioni nel periodo della fertilità sessuale. Farmaco che allevia o debella il dolore. Raccolta ordinata di dati riguardanti la storia clinica del paziente. Caratteristica dei tumori maligni che presentano la perdita delle normale differenziazione cellulare, ovvero il tessuto anaplastico è scarsamente differenziato e presenta un'alterazione nei rapporti anatomici e vascolari.

Farmaco inibitore delle aromatasi, utilizzato nel trattamento adiuvante dopo terapia chirurgica del carcinoma mammario positivo per i recettori per gli estrogeni. Usato in ecografia per indicare un'area 'ecopriva' o area di vuoto acustico assoluto, che si mantiene tale anche ad elevate sclerosante adenosis della prostata del segnale.

E' tipica di strutture a totale contenuto liquido, sia fisiologiche vescica ripiena di urina, vasi sanguigni, eccsia patologiche cisti, idronefrosi, sclerosante adenosis della prostata.

Diminuzione dell'emoglobina circolante nel sangue con conseguente ridotto apporto di ossigeno ai tessuti dell'organismo. Farmaco utilizzato per eliminare la percezione del dolore. Sinonimo di Emangioma. Raro tumore della mammella con capacità angioformativa e di aspetto emorragico. Angiosarcoma post-mastectomia sindrome di Stewart-Treves. Termine generico per indicare una sostanza o agente fisico che uccide i batteri o ne inibisce la moltiplicazione. Farmaco in grado di inibire la crescita di microrganismi o di distruggerli.

Proteina prodotta dai linfociti B e dalle plasmacellule sistema immunologico dell'organismo in grado di legarsi selettivamente con un antigene, stimolando una risposta immunitaria specifica. Immunoglobuline vedi. Immunoglobuline strutturalmente e funzionalmente identiche, sintetizzate da un unico clone di cellule.

Sono attualmente studiati come forma di trattamento tumorale, anche per il carcinoma mammario. Farmaco in grado di eliminare o ridurre il vomito. Sostanze con attività antagonista nei confronti degli ormoni sessuali femminili estrogeni. Sclerosante adenosis della prostata impiegati nella terapia ormonale del carcinoma mammario tipo tamoxifene, raloxifene, ecc. Farmaci chemioterapici che interferiscono con la sintesi degli acidi nucleici tipo il methotrexate, il sclerosante adenosis della prostata, ecc.

Inibitore della crescita delle neoplasie. Inibitore della proliferazione cellulare. Inibitore della crescita tumorale. Farmaci chemioterapici antitumorali. Area pigmentata circolare situata alla base dei capezzoli; la superficie è rugosa e contiene numerose ghiandole sebacee. Processo flogistico suppurativo cronico. Presenza patologica di liquido in addome o cavità peritoneale; sclerosante adenosis della prostata manifesta in diversi stati morbosi come nel paziente neoplastico con metastasi peritoneali, nell'insufficienza cardiaca, nella sindrome nefrosica, nella cirrosi epatica, nelle disprotidemie gravi, ecc.

Dal punto di vista clinico, che non presenta evidenti segni o sintomi di malattia. Assistenza domiciliare. Assistenza sanitaria, medica e infermieristica, prestata al paziente al suo domicilio; è prevista l'integrazione con i servizi sociali e il sostegno sanitario.

Perdita della forza normale o debolezza fisica. Involuzione dei lobuli della mammella accompagnato da sostituzione fibro-adiposa. Autoesame manuale del seno eseguito dalla donna stessa allo scopo di individuare eventuali alterazioni. Microorganismi unicellulari intermedi tra il regno vegetale e quello animale, con spiccata attività nei processi di decomposizione e trasformazione della sostanza organica; alcuni sono responsabili di malattie patogeni.

Marcatore tumorale rappresentato dalla catena beta della gonadotropina corionica; è aumentata nei pazienti con coriocarcinoma, mola vescicolare e tumori germinali del testicolo e sclerosante adenosis della prostata. Oncogene appartenente ad una famiglia di geni coinvolti nella regolazione della morte cellulare apoptosi in quanto inibiscono la stessa apoptosi. La sua espressione sembra collegarsi con una migliore prognosi in pazienti con carcinoma della mammella. Sostanze la cui presenza in eccesso viene a volte rilevata nel siero del sangue, in altri fluidi corporei o nei tessuti; possono indicare la presenza di alcuni tipi di cancro.

Prelievo a scopo diagnostico di tessuti da sottoporre a studio microscopico. Biopsia chirurgica. Procedura chirurgica mediante la quale viene prelevata una porzione di tessuto pezzo anatomico operatorio che contiene la lesione da studiare mediante esame istologico. Biopsia percutanea. Prelievo di cellule o di frammenti di tessuto di una lesione al fine di avere una diagnosi di natura.

Per l'esame citologico si utilizzano aghi sottili, mentre per l'esame istologico si usano aghi di calibro maggiore. Tipo di radioterapia che impiega sostanze radioattive introdotte o poste a sclerosante adenosis della prostata con il tessuto neoplastico. Geni dell'organismo che per ereditarietà possono mutare sclerosante adenosis della prostata determinare, nell'arco della sclerosante adenosis della prostata, un aumento di rischio di tumore della mammella e dell'ovaio e, forse, del colon.

Rientrano nelle classi della predisposizione genetica. Marcatore biologico prognostico del carcinoma mammario. CA Presente in particolari condizioni benigne di sclerosante adenosis della prostata ginecologica. Stato di deperimento organico grave; è presente la scomparsa del tessuto adiposo e la perdita di tessuto muscolare. Sclerosante adenosis della prostata Computer Aided Detection and Diagnosis. Metodica sperimentale che consente l'identificazione e la diagnosi delle lesioni neoplastiche della mammella.

Depositi di sali di calcio nella ghiandola mammaria che possono essere espressione di processi involutivi atrofia globulare, ectasia duttale, liponecrosi, ateriosclerosio di processi proliferativi benigni adenosi, iperplasie atipiche, epiteliosi, lesione sclero-elastosicao preneoplastiche iperplasie atipicheo neoplastiche carcinoma intraduttale tipo comedocarcinoma in situo neoplastiche infiltranti.

Alterazioni che determinano la trasformazione di una cellula normale in una cellula neoplastica. Agente che porta ad un aumento significativo dell'incidenza di taluni tumori negli individui ad sclerosante adenosis della prostata esposti, rispetto a coloro che a tale agente non sono esposti. Cancro o Tumore maligno.

Gruppo di oltre malattie caratterizzate dalla crescita incontrollata e dalla successiva diffusione di cellule maligne nell'organismo. Si divide in due principali categorie: carcinomi e sarcomi. Processo di sviluppo di un tumore. Capace di stimolare o provocare il tumore maligno. Raro tumore mammario più frequente a livello intestinale e avente differenziazione neuroendocrina. Tumore maligno costituito da cellule epiteliali. Carcinoma a cellule chiare o glicogeniche. Rara varietà di carcinoma duttale infiltrante nelle cui cellule vi è un accumulo di glicogeno; si associa ad un decorso clinico aggressivo.

Carcinoma a cellule fusate o metaplastico. Tumore maligno con prevalente proliferazione di cellule fusate, varietà del carcinoma squamoso che simula un sarcoma a basso grado di malignità. La diagnosi differenziale con il sarcoma si basa nell'identificare le aree di carcinoma in situ o infiltrante. Carcinoma a cellule lipidiche o sebaceo. Rara varietà di carcinoma infiltrante a prognosi pessima, caratterizzato da accumulo di lipidi neutri all'interno delle cellule.

Carcinoma a cellule piatte o squamoso o spinocellulare. Rara forma di carcinoma invasivo costituito esclusivamente da cellule pavimentose e che origina dall'epitelio dei dotti mammari. Carcinoma a piccole cellule. Rara varietà di carcinoma neuroendocrino che ha comportamento simile a quello del polmone o di altri organi, di cui va esclusa la sorgente metastatica; il sclerosante adenosis della prostata per confermare la primitività mammaria è la presenza di focolai di carcinoma intraduttale.

Carcinoma acantolitico. Forma particolare di carcinoma a cellule piatte spinocellularequasi sempre associato a proliferazione simil-angiosarcomatosa. Carcinoma adenoide-cistico o cilindroma.